Confronta con alcuni settori tradizionali, Bitcoin utilizza molta più energia verde e crea più profitti.

Confronta con alcuni settori tradizionali, Bitcoin utilizza molta più energia verde e crea più profitti.

Confronta con alcuni settori tradizionali, Bitcoin utilizza molta più energia verde e crea più profitti.

https://www.jsbit.com/news/compare-with-some-traditional-industries-bitcoin-is-using-much-more-green-energy-and-creating-more-profits/

Quando Satoshi Nakomoto ha estratto il primo Bitcoin nel 2009, il piano era di rendere la valuta digitale libera da qualsiasi controllo da parte di banche e governi.Di conseguenza, Bitcoin utilizza la tecnologia peer-to-peer per effettuare pagamenti, il che significa che è alimentato da una complessa rete di computer che lavorano per mantenere la Blockchain.Questi computer sono sofisticati e consumano molta energia, persino più di alcuni paesi del mondo.

Secondo i dati disponibili, se Bitcoin fosse un Paese, si classificherebbe al 30° posto nell'elenco delle principali nazioni consumatrici di energia.I ricercatori di Cambridge affermano che consuma circa 121,36 terawattora (TWh), ed è improbabile che questo diminuisca a meno che il valore della valuta non diminuisca.

Perché le transazioni Bitcoin richiedono molta energia?

Sebbene Bitcoin sia una tecnologia trasformativa che influenza il settore, ci sono preoccupazioni sulla quantità di elettricità necessaria per il funzionamento continuo.È importante notare che Bitcoin non è iniziato con questo livello di consumo energetico.Quando la tecnologia è nata per la prima volta nel 2009, tutto ciò che serviva per il mining era un PC, poiché tutti i computer potevano estrarre Bitcoin.

Il motivo per un computer era che i minatori potevano risolvere problemi di calcolo, che progressivamente sono diventati più complessi, portando alla necessità di computer sofisticati in grado di risolvere quei problemi.Inoltre, con più minatori che si sono uniti alla mischia, la competizione è diventata intensa poiché hanno dovuto competere l'uno contro l'altro per vincere il diritto di aggiungere il blocco successivo alla Blockchain e guadagnare ricompense.

Oggi, la rete Bitcoin si basa su migliaia di minatori che utilizzano macchine avanzate 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per risolvere problemi matematici e vincere premi.È importante notare che anche se migliaia di minatori competono tra loro, solo un minatore può aggiungere un nuovo blocco ogni dieci minuti, con conseguente spreco di molta energia.

Poiché maggiore è la potenza di calcolo di un minatore, maggiore è la probabilità che siano in grado di risolvere i problemi in un tempo più breve e guadagnare ricompense, molti minatori sono costretti ad aumentare o aggiornare le proprie apparecchiature.A parte il fatto che l'apparecchiatura consuma più energia per le operazioni, un altro problema notevole è la generazione di calore durante l'esecuzione delle funzioni di hashing, quindi è necessario prevedere sistemi di raffreddamento in modo che le macchine possano essere efficienti e non bruciarsi.

Tutti questi contribuiscono a rendere la rete mineraria totale un enorme maiale di energia.

Cosa si può fare per il problema energetico di Bitcoin?

Proprio come altre criptovalute, il funzionamento di Bitcoin dipende in gran parte dai combustibili fossili, il che significa emissioni di carbonio extra.Tuttavia, è importante ricordare che Bitcoin non produce direttamente una grande impronta di carbonio in quanto può funzionare con elettricità generata da fonti rinnovabili.Pertanto, uno dei modi in cui il problema energetico di Bitcoin può essere risolto è il passaggio a alternative più ecologiche.

Un altro modo per affrontare questo problema è passare a un sistema di verifica più efficiente, poiché la prova del lavoro è intrinsecamente dispendiosa.Ad esempio, la prova di partecipazione è più efficiente dal punto di vista energetico.Funziona selezionando i validatori in proporzione alla loro quantità di partecipazioni in Bitcoin.Il passaggio aiuterà anche a eliminare l'elemento competitivo e a ridurre gli sprechi.

Incartare

L'adozione diffusa di Bitcoin ha creato un grosso problema: il massiccio consumo di elettricità.Tuttavia, questo non rende Bitcoin cattivo, poiché i sistemi bancari tradizionali consumano il doppio dell'energia del mining di Bitcoin.Tuttavia, adottando criptovalute come Whatsimer o AntimersJsbit.compuò contribuire a rendere la rete efficiente dal punto di vista energetico senza causare alcuna interruzione.


Tempo di pubblicazione: 26-maggio-2022